Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se prosegui nella navigazione sul sito acconsenti all'uso dei cookie.
23 set 2019

ESMO Annual Meeting 2019: Menarini Ricerche presenta la caratterizzazione preclinica di MEN1611, un nuovo inibitore PI3K in sviluppo per il trattamento del carcinoma mammario.


Pomezia (Italia), 23 settembre 2019 - Risultati promettenti dallo studio preclinico condotto da Menarini Ricerche sul MEN1611, un inibitore potente e selettivo della fosfatidilinositolo 3-chinasi (PI3K) ad uso orale, attualmente in sviluppo per il trattamento del carcinoma mammario. Il poster intitolato "Characterization of the mechanism of action and efficacy of MEN1611, a novel PI3K inhibitor, in breast cancer preclinical models" sarà presentato al Meeting Annuale ESMO 2019, che si svolgerà a Barcellona il prossimo 27 settembre, durante la poster display session (30 settembre; ore 12-13).

La via di trasduzione del segnale PI3K/AKT è spesso alterata nei pazienti oncologici: circa il 25% dei carcinomi mammari HER2-positivi presentano mutazioni nel gene PIK3CA che conferiscono resistenza alla terapia anti-HER2 (trastuzumab). Questo studio, condotto su diverse linee cellulari di carcinoma mammario HER2-positive con mutazione PIK3CA e modelli di xenotrapianto derivati da paziente, dimostra che MEN1611 è in grado di inibire la via di trasduzione del segnale di PI3K/AKT sia in vitro che in vivo e agisce in maniera sinergica con il trastuzumab; inoltre, l'efficacia in vivo nei modelli resistenti al trastuzumab è dimostrata da un'attività antitumorale di lunga durata.

Questi dati preclinici promettenti forniscono un forte razionale per la progressione dello sviluppo clinico di MEN1611 in pazienti affetti da carcinoma mammario. A questo proposito, il trial clinico B-Precise-01 (NCT03767335), uno studio multicentrico di fase Ib, è attualmente in corso in Europa con l'obiettivo valutare l'attività clinica preliminare di MEN1611 in combinazione con trastuzumab +/- fulvestrant, in pazienti affetti da carcinoma mammario HER2-positivo, avanzato o metastatico e di selezionare la dose raccomandata per la fase 2.

Quest'anno Menarini Ricerche sarà presente al congresso ESMO anche con un’area dedicata presso lo stand di Menarini Silicon Biosystems, dove sarà possibile reperire informazioni più dettagliate sull'intera pipeline oncologica di Menarini e sugli studi clinici in corso. MEN1611, infatti, fa parte di una pipeline di farmaci in sperimentazione innovativa e basata su approcci di medicina di precisione, che riflette l’impegno forte e crescente di Menarini Ricerche in oncologia e verso i pazienti affetti da tumori difficili da trattare.