Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se prosegui nella navigazione sul sito acconsenti all'uso dei cookie.
09 dic 2019

61° Congresso ASH 2019: Menarini Ricerche presenta un aggiornamento dello studio clinico di SEL24/MEN1703

Logo Diamond - SEL24/MEN1703

Pomezia, 9 dicembre 2019 - Menarini Ricerche procede con lo sviluppo clinico di SEL24/MEN1703, e presenta il disegno dello studio clinico in corso DIAMOND-01 (NCT03008187) al 61° Congresso ASH, con un poster intitolato: “First in Human Study of SEL24/MEN1703, First in Class, Orally Available Dual PIM/FLT3 Kinase Inhibitor, in Patients with Acute Myeloid Leukemia”. Il poster, che sarà presentato oggi durante la sessione Acute Myeloid Leukemia: Novel Therapy, excluding Transplantation, descrive le variazioni introdotte al disegno dello studio clinico attualmente in corso, per ottenere dati ancora più accurati per la selezione della dose per la successiva fase 2.

Lo studio CLI24-001 (DIAMOND-01) è in corso per valutare SEL24/MEN1703, un doppio inibitore orale delle chinasi PIM/FLT3 ottenuto in licenza da Ryvu Therapeutics. L'obiettivo principale dello studio, attualmente condotto in pazienti con LMA di prima diagnosi, recidivante o refrattaria (escludendo la leucemia promielocitica acuta), non adatti alla chemioterapia intensiva, è l’identificazione della dose raccomandata per la successiva fase 2.

Inoltre, un secondo abstract, pubblicato online su un numero speciale della rivista ufficiale di ASH - Blood (2019) 134 (Supplement 1): 5087- riporta l'identificazione di un biomarcatore farmacodinamico per SEL24/MEN1703 e la sua implementazione nello studio DIAMOND-01.

Menarini Ricerche crede fortemente nell'innovazione e continua a investire risorse nella ricerca e nello sviluppo di nuove opzioni terapeutiche per i pazienti oncologici, concentrandosi su terapie mirate e approcci di medicina di precisione. Il contributo di Menarini Ricerche all'ASH con questi dati conferma il nostro impegno volto a soddisfare le esigenze dei pazienti con tumori difficili da trattare e prognosi sfavorevole.